... and then it was three

The third edition of "Incontro DevOps Italia" 2015 is over.

Some raw data

First, let the numbers speak by themselves:

  • 160 tickets sold,
  • 15 speakers,
  • ~10 organizers (BioDec's staff, Ideato, Grusp, Roberto Bettazzoni and Alessio Bragadini),
  • 4 silver sponsors, 3 media sponsors,
  • cost: 30 euro +VAT (lunch was just an extra 10 euro),
  • 1 dedicated web site,

adding all the people, the overall number of participants has been around 180 people, a +55% on 2014 and more than double of the first edition.The number of tracks and open sessions were more than the whole of the previous editions.

Me, pontificatingPeople, listening

Some considerations

  • People were interested in all the sessions, there were many questions and conversations.
  • People networked, but the open spaces were almost empty: this is an issue to think about.
  • People enjoyed the location, the food and getting to Bologna was not a real issue for many participants.
  • I got email from non-native speakers, asking if any track would be in English (there were none).
  • I forgot to print the feedback sheets that I usually left to the participants: please send any feedback to info@incontrodevops.it

So it was worth the effort, at least from my point of view, and BioDec's. My favourite moment was the "Facebook talking to Facebook" situation with Davide Bolcioni (Facebook, US) speaking to Angelo Failla (Facebook, Ireland) about their infrastructure, among an amazed audience.

FB tlaks to FB

Some random links:

See you next year ?

Why not ?

La prima edizione della ΛCon

Oggi si è tenuta la prima edizione della ΛCon a Bologna: resoconto per chi non c'era.

Prima edizione ?

Non sembrava: come ha spiegato Luigi Berrettini nella chiusura dell'evento: 280 iscritti, persone da tutto il mondo, presentazioni in inglese, e qualità degli interventi di alto livello. Complimenti agli stanchi organizzatori (in prima fila accasciati), e agli eleganti speaker:

Foto di gruppo

Finalmente una conferenza tecnica

Finalmente una conferenza veramente tecnica, dove ogni presentazione richiedeva di tenere acceso il cervello e alta l'attenzione. Una conferenza che rispetta gli alberi, ma che non li abbraccia.

La mia presentazione mi ha soddisfatto, e spero sia piaciuta (la sala era piena, e nessuno è scappato durante l'evento) - le slide sono sul repository della conferenza https://github.com/LambdaCon/2015 :

Foto del talk su type theory

Infine, una mano misteriosa ha vergato un messaggio per i posteri:

Fantomas all'opera

Al prossimo anno, e ancora complimenti agli organizzatori !

Il programma dell'Incontro DevOps Italia 2015

Finalmente !

Ecco il programma dell'Incontro DevOps Italia 2015 con molte sessioni (in parte della giornata in parallelo), keynote che spaziano dai temi strettamente tecnici agli aspetti metodologici.

Nel corso della giornata, poi, sarà disponibile un'area Open Space, per le discussioni fra i partecipanti. Vi aspettiamo a Bologna venerdì 10 aprile 2015 per IDI2015, ma nella giornata precedente (giovedì 9 aprile) vi ricordiamo che vi sono i workshop, che si svolgeranno sempre nella stessa sede: Pratiche di Continuous Integration organizzato da Ideato e il nostro Corso Ansible organizzato da Biodec.

Corso su Ansible

Un corso per imparare la prototipazione dei server e l'automazione dei servizi .

Il problema

Automatizzare le attività ripetitive e standardizzare gli ambienti è un problema che investe il mondo IT sia dal lato della gestione dei sistemi (Ops) che dal lato dello sviluppo (Dev). Il proliferare delle piattaforme e in particolare l'uso delle soluzioni Cloud ha accentuato il problema, rendendo necessario avere strumenti veloci, affidabili e facili per la gestione di configurazioni e per il continuo rilascio di codice.

Ansible: la nostra soluzione

Ansible è uno strumento per orchestrare l'installazione e la configurazione di sistemi ed applicazioni: permette di definire lo stato di uno o più server in modo prevedibile, replicabile e consistente. Simile in questo a software come Puppet, Chef, Saltstack o CFEngine, esso basa la propria filosofia su una parola chiave: la semplicità d'uso.

A differenza di altri sistemi, Ansible non necessita di altro che di una connessione SSH tra la macchina che funge da controllore e i server da controllare, e tutto si gestisce con semplici direttive di configurazione contenute in file testuali. Ancora: è una soluzione agentless per cui non è necessario installare nessun client sugli hosts da configurare, ma solo Python e - cosa che non guasta - è anche un prodotto che presenta una curva di apprendimento molto agevole.

Una piccola curiosità: la parola “ansible” si riferisce all’omonimo dispositivo che nel romanzo di fantascienza “Il Gioco di Ender” di Orson Scott Card permetteva di controllare remotamente le astronavi.

Il corso

Programma

  • 9:00 Registrazione dei partecipanti
  • 9:30 Inizio del corso
  • 11:00 Break
  • 13:00 Pausa pranzo
  • 14:30 Ripresa delle attività
  • 16:00 Break
  • 18:00 Conclusione

Docente

Serena Lorenzini, Ph.D., BioDec.

Quando

Offriamo questo corso sia su richiesta che in occasione di eventi particolari (come l'incontro DevOps). Contattateci all'indirizzo info@biodec.com per maggiori dettagli.

Costo di iscrizione

Per iscriversi contattare info@biodec.com per maggiori informazioni su modalità e tempi di pagamento. Il costo del corso prevede anche il pranzo e una pausa caffé (in caso di regimi alimentari particolari, si è pregati di segnalarlo per tempo).

F.A.Q.

Cosa avrò imparato alla fine del corso?

A scrivere playbook e role Ansible per fare partire, fermare e configurare dei server Linux; si imparerà come si definiscono con Ansible i profili di configurazione di vari server, corrispondenti ad usi differenti (i.e. web server, database server, server di monitoraggio, eccetera).

Si imparerà inoltre come svolgere alcune azioni ripetitive su tutti i server dell'infrastruttura, come ad esempio aggiornare dei pacchetti software, fare deploy di nuovi programmi, eccetera.

Si imparerà a testare il codice Ansible con Molecule, un prodotto del progetto Ansible ufficiale.

Si affronteranno tematiche DevOps come la configurazione della Continuous Integration (CI) in un ambiente misto Docker/Virtual Machine per testare il nostro codice Ansible.

Devo portare il mio portatile?

Sì, con installato l’ambiente di sviluppo software di tua scelta.

Come devo prepararmi per il corso?

Installa Vagrant nel tuo pc e assicurati che sia funzionante, in alternativa garantisciti un accesso ad un server virtuale sul quale tu possa agire in libertà. Lavoreremo in una macchina Vagrant Debian Stretch, la medesima distribuzione Linux è consigliata, se lavorerai su un server virtuale tuo.

È un corso per principianti o per esperti?

È per principianti e per chi ha provato ad utilizzare Ansible ma non è ancora riuscito a farlo diventare una pratica quotidiana.

Il corso si applica solo a sistemisti o programmatori Linux, o anche Windows ?

Il corso si applica a tutti, ma è bene avere una confidenza di base con la shell Bash.

Pillola Devops 2015 - un workshop per i clienti RedTurtle (e non solo)

Un incontro informale e veloce per iniziare ad entrare nel mondo DevOps.

Pillola DevOps

In collaborazione con RedTurtle, che ci ospiterà a Ferrara, abbiamo organizzato un workshop sul tema DevOps. Alla luce della particolare partnership che abbiamo con Redturtle, offriamo anche ai non clienti dell'azienda la possibilità di partecipare a un workshop introduttivo, chiamato "Pillole di DevOps" per Lunedì 2 Marzo, dalle 9.30 alle 13, presso la sede RedTurtle di Ferrara in via Caselli 11/b (*), alla tariffa di Euro 70,00 + IVA (pari a Euro 85,40 IVA inclusa).
L'evento ha lo scopo di introdurre i partecipanti alle tante facce del mondo DevOps, toccando molti dei temi caldi per qualsiasi organizzazione pubblica o privata. Le conoscenze acquisite possono servire da ideale trampolino per tuffarsi con cognizione di causa nel separato corso Devops di tre giorni offerto da BioDec, ma certamente anche per apprezzare meglio l'atteso evento di Aprile: ricordiamo infatti che BioDec è tra gli organizzatori della terza edizione dell’Incontro DevOps Italia, sui classici temi di frontiera che descrivono l'interdipendenza tra sviluppo software e IT operations. L'Incontro Devops di Bologna, come le precedenti edizioni, approfondirà temi tra cui:

  1.     le infrastrutture agili,
  2.     le tecniche e le metodologie per crearle, per mantenerle ed evolverle,
  3.     l’automazione dell’infrastruttura,
  4.     "infrastructure as code",
  5.     i sistemi di monitoraggio moderni,
  6.     il mondo Agile applicato.

Iscrizione

Per perfezionare l'iscrizione alle "Pillole di DevOps", basta operare un bonifico a beneficio di BioDec srl - IBAN IT21 T 06385 36673 100000005782 presso Carisbo, filiale di Casalecchio di Reno, Via Garibaldi 3, notificando all'e-mail indicato più sotto l'eventuale necessità di fattura.

Contatti

Per iscrizioni e altre informazioni mandate una mail a info@biodec.com o telefonate allo +39 051 0548263.

Nota

(*) Qualora le iscrizioni superino la capienza delle sale riunioni di RedTurtle, l'evento verrà trasferito in un'altra locazione, nelle immediate vicinanze, e gli iscritti saranno tempestivamente informati del cambio di sede.
 

 

Nessun singolo punto di guasto

Vi raccontiamo del sistema senza singoli punti di guasto che abbiamo realizzato per un cliente

Abbiamo realizzato un sistema di data-delivery senza singoli punti di guasto, come sempre basato su software open-source.

Questa volta grazie a Ganeti e GlusterFs.

BioDec @ XP2014

Saremo presenti alla XP2104 con il nostro workshop sui sistemi di monitoraggio, alerting e logging.

Ergo, se passate da Roma, siamo qua. In particolare, l'intervento sarà il martedì pomeriggio, ma io sarò presente anche mercoledì e giovedì, per cui se siete già a Roma alla conferenza o passate da quelle parti, mandate un ping (@gaunilone).

Il workshop è una versione riveduta e corretta di quello presente nel nostro corso su monitoring logging e alerting.

Incontro DevOps Italia 2014

E anche questo secondo incontro è passato.

Qualche numero

Iniziamo col raffronto fra qualche numero:

Confronto fra le edizioni
Edizione 2013Edizione 2014
Partecipanti 80

115 (+43%)

Numero di interventi 6

7 (+16%)

Sponsor 7

7 (=)

Costo (senza IVA) 15

25 (+66%)

Tempo (BioDec) 34 ore

46 ore (+35%)

La cosa che salta all'occhio è che la cosa più cresciuta è stato il costo: ma nell'edizione del 2013 non era presente il pranzo (ma solo i coffee break), che invece stavolta era incluso (assieme al break del pomeriggio). A parte il costo l'aumento più sostanziale è stato nel numero di partecipanti. Alcune mie stime di aziende / enti che si sono detti interessati ma che si sono mossi in ritardo mi fa supporre che, mentre nell'edizione del 2013 rimasero fuori 3-4 persone, in quest'edizione si sarebbero potute aggiungere - con un altro mese di tempo - facilmente 20-25 persone. Arrivando quindi ad un quasi raddoppio di partecipanti dall'edizione precedente.

Anche l'impegno è stato maggiore (i tempi indicati vengono dall'issue tracker BioDec, e non tengono conto poi del tempo poi speso alla conferenza vera e propria dalle persone di BioDec).

Impressioni

Anche quest'anno molte delle persone presenti hanno espresso un commento positivo, e in generale l'impressione è stata che i partecipanti si siano divertiti: qualche commento sui blog conferma l'impressione. Dai questionari, che per ora ho scorso velocemente, il voto alle varie parti dell'evento è stato mediamente alto, con solo un paio di talk sotto la media (o per meglio dire altalenanti).

Quindi ? Che dire ? Lo rifaremo ? L'open space da me convocato per sapere chi fosse interessato all'organizzazione di prossimi eventi è stato drammaticamente scarno di presenze ... considerando che dal trend, per il 2015 si potrebbe pensare ad un evento con un target di 160-200 persone e un impegno di tempo che potrebbe raggiungere le due settimane effettive ... ecco, dobbiamo pensarci !

Conclusioni

Le stesse di quando esco da una partita di basket incolume: è andata bene, non si è fatto male nessuno. Nota di servizio: le presentazioni. Dal post di Ale, riporto i link a me noti:

Il blog di Enrico Zini riporta molto bene il senso del suo talk, mentre invece per la presentazione di De Ioris non ho aggiornamenti.

1, 2, 6, 9 !!...

http://www.skiantos.com/diski/cover/cd_doppiaDose_int.jpg

... Sono troppo avanti Vi ho fregato tutti quanti Forse proprio non ci senti Ma io sono troppo avanti

Con i miei molti rimpianti Anche grazie ai fallimenti E alle storie più pesanti Con tanti fraintendimenti... sono avanti!

Trova tu i finanziamenti E consulta tutti gli Enti Meglio essere prudenti Evitare accertamenti

Io non cerco dei proventi Voglio stare coi perdenti Sai quei tipi imbarazzanti Loro sanno che sono avanti...


Roberto "Freak" Antoni (1954-2014)

1, 2, 3 workshops, too

E sul filo di lana si aggiunge anche il terzo workshop dell'evento.

Sulla pagina dell'evento Incontro DevOps Italia 2014 si è aggiunta una terza azienda: Agile42. Il loro workshop (copio dal link dell'evento) vuole dare:

Una visione pragmatica dei nuovi approcci alla gestione del flusso di lavoro applicabile ai diversi ambienti DevOps.

Il workshop introduce i concetti base e illustra un insieme di pratiche utili per migliorare la gestione del flusso di lavoro nei vari ambienti DevOps adottando un approccio service oriented.

Contesti operativi differenti richiedono una varietà di pratiche e relativi tools. Lo scopo di questo workshop è di fornire una visione il più possibile pragmatica di alcune di queste pratiche e dei loro possibili utilizzi. Questo include una panoramica delle principali metodologie Agili, patrimonio finora dei soli sviluppatori, e relativi esempi affrontati con la prospettiva dei sistemisti.

Auguri a Agile42 per l'organizzazione del workshop !